Davvero ironico per non dire insultante ed osceno: i maestri della menzogna a caccia di “bufale”

di Enrico Galoppini

A tutti i falsi, falsoni e falsissimi che si riempiono la bocca con ‘ste “fake news” vorrei – giusto a titolo d’esempio – ricordare che l’Iraq, che non ci minacciava in alcun modo (ma forse minacciava qualcun altro di sacro ed inviolabile…), è stato devastato e ridotto ad un campo di battaglia proprio grazie alle spudorate e criminali menzogne propalate da chi ora si ritrova a convegno (http://www.ansa.it/…/fake-news-la-notizia-al-centro-e-larma…) per discutere di “notizia al centro”, “giornalismo veritiero” ed altre chimere.

Chiedo a padre Jean-Marie Benjamin: quanti sono i morti iracheni imputabili alle bugie e alle “bufale” messe in circolazione da tutti i media occidentali? 500.000? Un milione tondo? Ve le ricordate, no, le fialette con l’antrace (!) agitate da Colin Powell? Le “armi di distruzione di massa”? Il “supercannone” di Saddam? I bambini tolti dalle incubatrici a Kuwayt City e il cormorano (dell’Alaska?) impiastricciato di greggio? Chi era che pubblicava paginoni sulla “alleanza tra Bin Laden e il rais di Baghdad” prima dell’attacco finale del 2003?

La stessa oscena sarabanda di fandonie è stata usata per massacrare il popolo siriano. Tutti questi morti, cari direttori di giornali e telegiornali, ce li avete sulla vostra coscienza. Perché chi diffonde menzogne che poi costano la vita a qualcuno è a tutti gli effetti corresponsabile. In un mondo normale voi oggi stareste ai lavori forzati, ma non in Italia, bensì in Iraq o in Siria. Le vostre coscienze sono nere come la pece e le vostre mani grondano sangue. Potete rigirarla come volete, ma la frittata che avete cucinato in tutti questi anni ormai puzza di stantio e sempre meno persone credono alle vostre cazzate. Ve la cantate e ve la suonate, fingendo ora una “autocritica” e di voler finalmente raccontare “la verità”. Ma voi non potete farlo perché siete dei maggiordomi di lusso di questo potere malvagio.

Gli articoli de Il Discrimine possono essere ripubblicati, integralmente e senza modifiche (compreso il titolo), citando la fonte originale.

There are 4 comments for this article
  1. Backward at 10:54 pm

    Caro Galoppini, ho cercato di inviare un commento anche all’articolo sulla censura di Facebook, ma invano. E’ stato respinto oppure è un problema tecnico?

    • il discrimine Author at 5:44 pm

      Non credo ci siano problemi tecnici… Riprovi, e se non funziona ancora mi segnali la cosa per e-mail così avvertirò chi gestisce la parte tecnica del sito. Grazie per l’attenzione.

  2. nuvolanera at 1:29 pm

    Sono d’accordo con quanto scritto , e’ la strategia a firma USA per invadere e destabilizzare paesi sovrani eletti dal popolo che non si sottomettono ai voleri imperialistici americani. L’informazione che passa e’ spudoratamente distorta e asservita al potere ,cosi come i vari governi che si susseguono.
    Poi NON vediamo processi e sentenze dal tribunale dell’AIA contro i crimini perpetrati da questi invasori illegittimi responsabili di migliaia di morti e delle piu’ atroci nefandezze che un essere umano possa fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*