Preparano la rapina dei nostri risparmi?

di Enrico Galoppini

Scusatemi, sarò limitato di comprendonio, quindi vi chiedo aiuto. Aiutatemi a capire questa notizia “in primo piano” dell’Ansa che ho letto tre volte senza riuscire a comprendere il nesso tra il titolo ed il suo contenuto.

L’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) afferma che “la tassa patrimoniale può ridurre la disuguaglianze sociali ed economiche”. Che fantastica notizia! Che cosa di meglio per l’Italia, dove – osserva la stessa organizzazione – il divario tra ricchi e poveri è aumentato in tempi di “crisi”?

Poi, nella stessa “notizia”, si viene informati che l’Ocse ha studiato bene che cosa è successo nei Paesi in cui la “tassa patrimoniale” è stata applicata: non sarebbe necessaria dove le tasse sui redditi sono alte, mentre “potrebbe funzionare ed essere utile dove la tassa di successione non esiste e dove le imposte sui redditi sono particolarmente basse”.

Ora, è evidente che quest’ultimo NON è il caso dell’Italia, dove le tasse sui redditi sono tra le più alte al mondo e dove se erediti anche uno sgabuzzino vieni massacrato di tasse che t’inducono a sbarazzartene immediatamente svendendolo.

Ma messa così la cosa, “in primo piano” sulla principale agenzia di stampa italiana, si ha la netta sensazione che si stia dicendo agli italiani: la tassa patrimoniale è allo studio; sì, va bene, voi siete tra i più tassati del mondo, ma noi ora non vi ci facciamo più capire nulla, apriamo “il dibattito”, vi faremo montare la carogna contro “i ricchi” e alla fine vi ritroverete, TUTTI QUANTI, con una “tassa patrimoniale” da pagare, mentre le tasse sui redditi rimarranno tali e quali, perché a noi ora interessa dilapidarvi anche di quei quattro soldi che avete da parte!

Gli articoli de Il Discrimine possono essere ripubblicati, integralmente e senza modifiche (compreso il titolo), citando la fonte originale.

There are 2 comments for this article
  1. Bennnato Bennati at 2:56 pm

    La degradazione, l’abbrutimento dell’umanità preconizzato dalle scritture tradizionali di svariati popoli e per il quale il Partito della Dissoluzione opera, non si perseguono soltanto ( giusto per fare degli esempi ) con l’inquinamento del pianeta od inquinamenti mentali quali possono essere i matrimoni ” gay” o l’educazione transgender, ma anche con l’ azione di progressiva spoliazione degli individui, gruppi , famiglie, dei loro averi , allo scopo, da una parte di renderli tutti in un collettivo stato di bisogno crescente col succedersi delle generazioni ( la propaganda in atto relativamente alla necessità prossima ventura di cibarsi di insetti è prodromica rispetto alla situazione suddetta) e dell’altra di assicurarne le più complete uniformità , l’obiettivo finale da raggiungere essendo l’ indistinzione del verminaio.

  2. Lorenzo Lorenti at 9:07 pm

    Ormai l’uomo moderno negando o ignorando la sua funzione legittima, si è chiuso in un mondo soffocante e banale! Tagliato fuori dalla corrente delle influenze spirituali, sempre più immerso in un piano materialista, sempre più nauseante e in preda a una morale ingannevole e meschina è oramai preda di energie che non conosce e non è in grado di combattere. Anche questi avvenimenti che si rilevano da una economia oramai asservita alle potenze di illusione ne sono un esempio tra i tanti. Questo da misura dei limiti del presente mondo, condotto da automi il cui gioco economico/politico le ha condotti davanti a quella porta che non sono in grado di aprire…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*