Di Palestina non si parla più

di Enrico Galoppini

palestinaConsiderato che è tutto un incitamento – 365 giorni all’anno – a “non dimenticare”, stamattina mi sono “ricordato” che il 15 maggio è il giorno della “Nakba” (1948): l’esodo di circa 700.000 palestinesi dalla loro terra per far posto agli ebrei sionisti.

Ma sulla Palestina, oggi, da quando han preso la scena le “primavere arabe” e l’Isis, è calata la cappa del silenzio, il che vorrà pur dire qualcosa.

Significa che è stata imposta la cappa del silenzio sulla più mastodontica e duratura delle ingiustizie perpetrate contro un popolo intero.

Gli articoli de Il Discrimine possono essere ripubblicati, integralmente e senza modifiche (compreso il titolo), citando la fonte originale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>