Il Sionismo è la vera unica ideologia dell’Occidente

di Enrico Galoppini

Di questa cosa ho avuto svariate controprove (perché alla fine, anche i “sovranisti” devono rendere omaggio al novello ‘vitello d’oro’), ma se serviva la prova finale e definitiva di ciò eccola.
La cosiddetta “strategia vaccinale” di cui l’Italia è “capofila” designata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità altro non è che un tassello dell’avanzamento del progetto mondialista, globale, di “occidentalizzazione del mondo”.

Ma in un’unica parola, si può dire che tutto confluisce nel Sionismo. Un Sionismo planetario, dove tutti, senza alcuna eccezione, devono adorare ciò che rappresenta il Sionismo al di là della mera “questione palestinese”. Sionismo significa, in estrema sintesi, che su tutto, ma davvero tutto quel che importa non decidete voi italiani, tedeschi, francesi eccetera, e manco americani e… israeliani! Sionismo è l’apoteosi di un’élite cosiddetta “ebraica” che vuole sostituirsi a Dio ed avere il controllo su tutto e su tutti.

Ora, le cosiddette “strategie vaccinali” per “eradicare” cose come il morbillo (mentre in giro solo l’alcolismo provoca una strage) altro non sono che uno strumento ad usum delphini che poco ha a vedere con la “salute”, la vera salute, quanto ne ha, piuttosto, con l’imposizione, da parte dello Stato (quel tanto di Stato che ancora serve all’élite), di trattamenti sanitari obbligatori giustificati da inesistenti epidemie e pandemie. E chi viene messo alla gogna, proprio in quell’Israele che per i fautori del Sionismo rappresenterebbe la crème de la crème, ma dove anche lì se non “fili nel verso giusto” sei passibile di T.S.O.? I Neturei Karta, ovvero quei “rabbini ortodossi contro il Sionismo” conosciuti per non aver mai deflesso dall’individuare nel Sionismo il vero nemico e dell’Ebraismo e dell’intero genere umano.
Ecco la prova che mancava. Non conta un fico secco, come credono certi in fissa con “l’ebreo”, se appartieni al “popolo eletto”… No! Conta solo se fai come dicono loro. E loro, come diceva acutamente un Tale, sono “l’oro”!

Gli articoli de Il Discrimine possono essere ripubblicati, integralmente e senza modifiche (compreso il titolo), citando la fonte originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*